Locandina | Prospettive di sviluppo in regione FVG durante e dopo COVID 19

25mag17:0018:30Evento DigitaleIndustria biomedicale (Biomed)Prospettive di sviluppo in Regione FVG durante e dopo COVID 19Tipo di evento:Contaminazione funzionale Categoria:Innovation to business

Sinossi

Il 25 maggio si è tenuto il primo di tre appuntamenti dell’evento “Prospettive di sviluppo in Regione FVG durante e dopo Covid-19”, focalizzato sull’industria biomedicale.

Proposto dalla rete d’imprese BioHighTech Net 4.0 (BHTN 4.0), l’evento ha lo scopo di raccontare le prospettive di sviluppo in diversi settori durante e dopo l’era del Covid-19.

Diego Bravar, Presidente della Rete BHTN 4.0 e di Biovalley Investments

L’incontro è stato aperto dall’ing. Diego Bravar, Presidente della Rete BHTN 4.0 e di Biovalley Investments, che ha:

  • presentato e introdotto BioHighTechNet 4.0 quale raggruppamento d’imprese nel settore della salute in generale, e in particolare nei settori: biomedicale, diagnostica in vivo e in vitro, informatica medica e bioinformatica, Internet of Things (IoT), industria 4.0, biotecnologie medicali, agro-alimentari, ambientali e tecnologie per l’ambient-assisted living;
  • introdotto come la rete BHTN 4.0 può integrarsi al progetto Urban Center di Trieste per favorire l’accelerazione e la crescita delle startup del territorio, in particolare nei settori BioHighTech e Digital HighTech e avvicinarle a imprese, enti pubblici, istituzioni e università;
  • parlato del centro Swiss Integrative Center for Human Health (SICHH), un Urban Center a Friburgo in Svizzera, che sta producendo test salivari con elevata validità (98,6%) scalabili per diverse finalità diagnostiche.

La parola è stata poi passata ai referenti di alcune realtà della rete BHTN 4.0.

Lydia Alessio-Vernì, Agenzia Lavoro & SviluppoImpresa Friuli Venezia Giulia

È seguito l’intervento della dott.ssa Lydia Alessio-Vernì, dell’Agenzia Lavoro & SviluppoImpresa Friuli Venezia Giulia (di seguito l’Agenzia), che ha seguito l’Urban Center come progetto POR FESR, e che ha:

  • sottolineato la concretezza del progetto, i fondi e l’impegno della Regione e delle autorità locali che lavorano per le imprese;
  • introdotto un’iniziativa dell’Agenzia per rafforzare il coinvolgimento del progetto Urban Center di Trieste nello sviluppo delle imprese;
  • parlato di Smart Specialisation Strategy (S3) e di digitalizzazione, su cui l’Agenzia punterà molto e del settore Smart Health o BioHighTech nel contesto territoriale.

Agostino Accardo, dipartimento di Ingegneria Biomedica dell’Università di Trieste

Il prof. Agostino Accardo, del dipartimento di Ingegneria Biomedica dell’Università di Trieste, è intervenuto parlando:

  • del corso di laurea magistrale in Ingegneria Clinica/Biomedica, di come si è aggiornato negli anni, andando anche oltre il focus sul biomedico e della grande richiesta di un corso di ingegneria biomeccanica;
  • del periodo storico che stiamo vivendo che fa da “palestra” al settore della diagnostica, in particolare su grandi numeri, e che porterà a un beneficio sanitario;
  • di due progetti in corso che vanno incontro alle aziende interessate alla ricerca industriale nel biomedicale.

Stefano Puissa, T&B e Associati

L’intervento del dott. Stefano Puissa di T&B e Associati, partendo dal tema della “ripartenza” ha toccato i seguenti punti:

  • declinazione dell’innovazione, che una volta si applicava a prodotti e processi, mentre ora si è spostata sul piano organizzativo e commerciale;
  • si è posto una serie di domande e risposte: come si può creare valore e renderlo durevole? Come viene finanziata e gestita? Ci sono le competenze manageriali?
  • le tante opportunità di finanziamento che si apriranno ma, al contempo, i tanti dubbi e domande su come verranno configurate.
  • l’importanza di sviluppare una classificazione dei progetti, di analizzare tutti gli aspetti e preparare una verifica dimensionale, di integrare la contabilità e il controllo di gestione e fare un’analisi di impatto di mercato, eccetera. Tutti aspetti su cui sta lavorando con il suo team.

Giampiero Spezzotti, General Manager di Alifax Srl

L’ing. Giampiero Spezzotti, General Manager di Alifax Srl, ha voluto sottolineare l’importanza dell’incontro, ottima occasione di scambio, specialmente per questo periodo delicato. Il Covid-19, infatti, ha scatenato l’interesse per molte tecnologie mediche, che le aziende devono cogliere per evolversi, anche forzando propria vocazione, per non perdere il treno dell’innovazione. Perché anche i ritorni contano.

Ha ricordato poi che Alifax, attraverso l’Urban Center, si rende disponibile agli enti di ricerca e alle Università per collaborazioni e confronti.

Marco Poles, Eurospital

Il dott. Marco Poles di Eurospital, collegandosi all’intervento di Spezzotti, ha raccontato il percorso della propria azienda, tra successi, difficoltà – soprattutto nell’ultimo periodo – e nuove opportunità, come esempio di realtà cha ha saputo reinventarsi, non perdendo “il treno”.

A concludere l’incontro l’intervento di dell’ing. Bravar, che ha sottolineato l’importanza di saper trarre vantaggio dal cambiamento e dalle difficoltà e, soprattutto, di unire le forza tra imprese, enti e startup per elevare l’innovazione nella Regione. In questo senso l’Urban Center di Trieste è il veicolo adatto per farlo.

Ha dato poi appuntamento al successivo incontro, il 15 giugno, che avrà focus sull’industria dei biofarmaci e delle biotecnologie.

Guarda la registrazione dell’evento